Prende il via anche a Formia la sesta edizione di "Memorie Urbane", il festival di urban art più importante d'Italia cui l'Amministrazione comunale aderisce da anni e che ha già portato alla realizzazione di opere, tutte molto apprezzate, sui muri della città. Dopo i lavori iniziati a Minturno, Gaeta, Terracina e Fondi è il turno di Formia che nel 2017 sarà interessata da quattro interventi ad opera di street-artist di livello internazionale. Si parte in grande stile con Dale Grimshaw, tra i più importanti del panorama internazionale, per la prima volta in Italia. L'artista inglese lavorerà sul muro di contenimento di Via Cassio sotto al campo di calcetto. Questo progetto, fortemente voluto dall'Amministrazione comunale di Formia, si pone l'obiettivo di riqualificare le aree degradate della città, restituendo colore e vita a muri ed angoli dimenticati, trasformandoli in un grande museo a cielo aperto. I muri realizzati a Formia in queste edizioni di "Memorie urbane" sono complessivamente dieci. Quest'anno le location scelte sono 4 e vanno ad incrementare i 180 muri già riqualificati nelle 11 cittadine coinvolte dal festival. Dal 4 al 10 maggio potremo ammirare Dale Grimshaw al lavoro su via Cassio. Dale G e più tardi "Grimmy", al secolo Dale Grimshaw, è un 40enne artista inglese originario del Lancashire. Dall'originaria passione per il graffiti writing, approda negli anni ad uno stile diverso, influenzato da studi accademici e drammatiche vicende personali che lo spingono verso atmosfere più intimiste. Inizialmente orientato verso la tecnica ad olio, sente sempre più la necessità di esprimersi con mezzi più "fisici" e materici, sperimentando acrilico e spray. Splendidi e intensi i ritratti che danno alla sua ricerca un impatto emotivo davvero coinvolgente.