"Migliaia di presenze nell'arco delle 7 ore di musica sono un risultato che ci fa dire che questo è solo l'inizio". Il sindaco Nicola Procaccini esprime tutta la sua soddisfazione per il "numero zero" del concertone del 1 maggio a Terracina, un evento che l'amministrazione ha fortemente voluto. "È un progetto nel quale abbiamo creduto molto e che ora vogliamo assolutamente rendere un appuntamento fisso della primavera terracinese. Allestire una manifestazione del genere, che ha un termine di paragone nazionale così ingombrante come piazza San Giovanni, vuol dire saper raccogliere le sfide, scommettere sulle capacità di Terracina e ambire a traguardi sempre più importanti". Il sindaco prosegue ammettendo che "sono stati tutti straordinari gli artisti che si sono succeduti sul palco del Molo per testimoniare il loro impegno in favore della Sicurezza sul lavoro, un tema che ha un costo sociale ed economico elevatissimo". Tornando sull'aspetto musicale della giornata Procaccini afferma: "Non credo che si offenderà qualcuno se personalmente sottolineo, un po' per campanilismo e molto per ammirazione, l'esibizione dei Chicken Production, band terracinese che ha dimostrato il suo straordinario talento davanti al picco di pubblico del pomeriggio e agli altri artisti. Comunque tutti hanno saputo entusiasmare gli spettatori". È il momento dei ringraziamenti: "un grazie particolare va all'ANMIL e al suo presidente regionale Domenico Loffreda, motore insostituibile dell'iniziativa, al direttore artistico Marco Fauciello, a Fabio Cervoni della Casa del Lavoro e dell'Impresa, all'assessore alle Politiche del Lavoro Danilo Zomparelli, che ha lavorato a questo evento con grande serietà e passione". Il sindaco Procaccini ha voluto rivolgere un ringraziamento speciale a tutte quelle aziende che hanno creduto all'iniziativa a cominciare dal main sponsor Orizzonte, "come sempre sensibile e disponibile a sostenere gli eventi più importanti di Terracina", quindi la Cassa Rurale e Artigiana dell'Agro Pontino, Pensieri e Parole, Cmc Car Service di Maurizio Casabona, l'azienda per le affissioni IPAS, lo storico ristorante il Vicoletto, il Centro Ittico Cooperativa dei Pescatori di Terracina, il Caffè Somma di viale della Vittoria, l'Hotel Palace, gli stand de Il Casolare e Nasti Group. "Grazie anche al Gruppo di Lazio Tv che ha trasmesso in diretta il concerto nel giorno del suo 39esimo compleanno e grazie a Terracina Time, media partner dell'evento. Insomma, il meglio dell'imprenditoria terracinese non ha voluto far mancare il proprio sostegno". L'assessore Zomparelli sottolinea come "lo scenario di Terracina aiuta tantissimo nella realizzazione di eventi del genere, però senza la volontà e l'impegno non si ottengono risultati. Le grandi manifestazioni hanno lo scopo primario di sensibilizzare su tematiche sociali importanti, ma anche di attirare turisti, professionalità e investimenti facendo intuire quali siano le potenzialità di Terracina a livello economico. In questo senso, anche un concerto sul lavoro mira a creare lavoro. Nel caso specifico, inoltre, la partnership con ANMIL proseguirà: infatti abbiamo già programmato altre iniziative per la sensibilizzazione dei giovani e delle aziende del territorio sul tema della sicurezza sul lavoro". Il sindaco si sofferma poi sull'intera giornata di festa: "L'offerta che Terracina ha saputo proporre a residenti e ospiti nella sola giornata di ieri è stata ricchissima: la tradizione della Festa di San Silviano, il grande sport con gli Internazionali d'Italia di beach tennis e il concerto della Festa del Lavoro di cui ho già detto. Dalle 7 del mattino a mezzanotte la città è stata "invasa" da un afflusso di pubblico entusiasmante che non ha fatto registrare disagi particolari, grazie anche alle iniziative messe in campo dal Comune, a cominciare dalle navette gratuite dal parcheggio dell'ingresso nord della Pontina fino al centro città. Il mio plauso va agli uomini e alle donne della Polizia Locale, della Protezione Civile Comunale, della Croce Rossa e del Cotri: senza il loro lavoro e la loro disponibilità non si sarebbe potuto realizzare nulla". Procaccini conclude affermando che "sono in arrivo altri grandi eventi perchè la nostra meravigliosa città merita di vivere giornate di questo tipo, di essere valorizzata e conosciuta in tutto il mondo. Terracina non si ferma".