Era una proprietà rurale, un terreno spoglio, nessun fiore, nessun albero, piuttosto residui bellici, tracce terribili della guerra e della devastazione. Il Marchese Gallarati Scotti e la consorte Lavinia Taverna non si lasciarono spaventare però e nel 1956 comprarono l'area ad un'asta giudiziaria. Con il passare del tempo la passione che la marchesa provava per la natura cancellò quella visione iniziale. Il progetto di creare un vero e proprio giardino iniziò a prendere forma. Furono inizialmente solo esperimenti, fu poi la geniale mente dell'architetto Russell Page, formatosi alla Slade School di Londra per poi intraprendere la carriera di garden designer, a dare al terreno una struttura forte, decisa, "spettacolare". Era l'anno 1967, e la Landriana iniziava ad assumere quella forma che oggi l'ha resa nota e apprezzata ai più alti livelli.
Dal 6 all'8 ottobre, i Giardini situati a Tor San Lorenzo (Ardea) tornano ad ospitare la Mostra di florovivaismo dedicata all'Autunno e alle splendide fioriture che sa regalare.
Il flower show vedrà la presenza di centinaia di vivaisti nazionali ed esteri, che metteranno in mostra le piante tipiche della stagione: insolite, rare. Ecco allora che fiori, bulbi, ma anche vasi, libri, arredamento da giardino, arredo per il country life si offriranno al pubblico, nell'ambito di una tre giorni che si fa "interattiva" per volontà della stessa organizzazione, e quindi propone anche seminari, incontri, appuntamenti a tema.
Tanti consigli per chi non sa come curare il proprio giardino o le proprie piante, e tra questi saranno preziosi quelli della Società Italiana di Arboricoltura, i cui esponenti insegneranno come scegliere le specie più idonee alle funzioni che gli alberi sono chiamati a svolgere nel paesaggio.
Tornerà, nell'ambito della Fiera, l'Autunno in rosa, grazie alla presenza confermata della casa editrice Nicla. Nicoletta Campanella festeggerà con il pubblico la fioritura delle rose cinesi, e racconterà le avventure dei viaggi a bordo dei velieri della Compagnia delle Indie Orientali.
Non mancheranno altri omaggi in un programma davvero ricchissimo: al Giappone delle rose, ad esempio, con un video presentato proprio dalla Nicla. Tra gli ospiti di venerdì 6, da segnalare anche l'incontro con lo storico Mitsuru Pio Takaku.
La Mostra rimarrà aperta ai visitatori nei tre giorni, dalle ore 10 alle ore 18. E il pubblico avrà la possibilità di visitare i bellissimi giardini, oggi curati con la stessa passione della madre Lavinia, da Donna Stefania Aldobrandini.
Bar ristorante, tavola calda, berbecue, parcheggi gratuiti renderanno il tutto più piacevole. Da ricordare che possono accedere alla Landriana (ma al guinzaglio) anche i nostri amici a quattro zampe.
Info: www.landriana.com