Il quarto appuntamento con la Stagione del Teatro Europa di Aprilia, organizzata e diretta dalla Compagnia Teatro Finestra in sinergia con Atcl, è fissato per martedì 6 febbraio, alle ore 21. Protagonista sarà l'ironia acida di buon commediante e la smorfia sapida che in quasi trent'anni di carriera hanno permesso a Carlo Buccirosso di dire tutto di tutti: anche in questo suo ultimo lavoro, "Il pomo della discordia", da lui scritto, diretto e interpretato in coppia con una formidabile Maria Nazionale, pronto ad istruire il pubblico pontino su vizi e pregiudizi dell'Italia di oggi, uguale a ieri nelle idee, uguale a sempre nei suoi limiti. 

Dopo il successo nazionale de "Il divorzio dei compromessi sposi", il comico partenopeo torna a parafrasare testi e racconti celebri in chiave contemporanea, ma stavolta indirizza la sua filippica da ridere contro il male devastante dell'omofobia. La pièce "Il pomo della discordia" rilegge chiaramente il celebre mito della mela di Eris, dea della discordia, lanciata sul tavolo sotto gli occhi degli dèi che lì, in quel giorno, celebravano le nozze di Peleo e Teti; la vicenda però viene spinta in avanti di migliaia di anni, e in gioco ci sarà ben altro che il titolo di "più bella". "In una normale famiglia benestante - scrive Buccirosso -, l'atmosfera e l'euforia di una festa di compleanno organizzata a sorpresa per Achille, primogenito dei coniugi Tramontano, potrebbe essere turbata non da una mela, non da un frutto, bensì da un pomo", il pomo d'Adamo del festeggiato, "ritenuto un po' sporgente. (...) Achille vive un rapporto molto difficile con suo padre Nicola ed è continuamente difeso a spada tratta da sua madre, la epica Angela, non essendosi ancora dichiarato gay e non avendo mai presentato Cristian, il proprio fidanzato, che da anni bazzica in casa spacciandosi per il compagno di sua sorella Francesca". In una commedia, che sul palcoscenico vedrà anche Maria Nazionale e altri nove interpreti sulle musiche di Sal da Vinci, i disagi e le contraddizioni di una società votata per natura alla distanza, ad Eris, inclemente verso chi compare nella lista nera dei disallineati. 

Biglietti da 13 euro a 20 euro. Infoline e prenotazioni: 0697650344, 3358059019.