Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

.




0

(FOTOGALLERY) Muro del Ricordo ad Aprilia, un murales per non dimenticare le giovani vittime

Aprilia

Hanno deciso di chiamarlo Muro del Ricordo quello in via Monteverdi, impreziosito dal lavoro di alcuni writer che hanno realizzato dei murales in omaggio a tante giovani vittime apriliane. Disegni, frasi, pezzi di canzoni. C'è un po' di tutto in questo muro che vuole essere un memento perpetuo per tutta la città. Una iniziativa nata grazie all'impegno di alcuni giovani della città e sostenuta dall'associazione Aprilia in Prima Linea. Che adesso chiede all'amministrazione comunale di sostenere il progetto. 

"Il lavoro materiale è finito, ma ora inizia quello per dare il giusto risalto e sicurezza a quest'opera." Sono state queste le parole con cui Emanuele Campilongo ha annuciato a nome dei tanti cittadini che hanno partecipato a quest'opera di riqualifcazione, l'inizio dell'iter per far divenire il "muro del Ricordo", un monumento cittadino. Prima che il gruppo di Guerriglia Verde - Apl, iniziasse su Via Monteverdi la sua opera di lotta al degrado e all'incuria iniziando a pintumare nuove piante negli spazi lasciati vuoti, il muro aveva già iniziato a prendere forma ma non in maniera organica. Ora, grazie alla volontà di Alessio Tedeschi e Andrea Spognardi, che hanno recepito le richieste e coordinato le operazioni di messa in pratica, l'opera è completa ed ha una sua organicità e un forte significato sentimentale oltre che artistico. La realizzazione è stata effettuata da due giovani artiste apriliane, specializzate in opere di street art e quest'opera rappresenta una riuscita fusione tra vecchio e nuovo. Infatti, è da ricordare come il muro faceva parte del vecchio "Bullonificio" una delle prime aziende portate ad Aprilia dal boom economico della fine degli anni '50, di cui è rimasto solo la parte perimetrale. Ora, anche la Regione Lazio sta vagliando la proposta già presentata di tutelare questi manufatti facendoli rientrare nella normativa che protegge la cosiddetta "archeologia industriale", come hanno già fatto tante regioni italiane come ad esempio l'Umbria e la Puglia solo per citarne alcune. Domenica è stata apposta anche una targa commemorativa davanti a decine di persone accorse per quello che è stato un grande momento comunitario. Ora, chiederemo al Comune di Aprilia di far assurgere il muro del Ricordo a monumento cittadino, nella speranza che venga dimostrata sia sensibilità artistica che morale, di fronte ad un opera che rappresenta la tangibile dimostrazione di come sia possibile riqualificare aree abbandonate senza gravare di un centesimo sulle casse pubbliche. Inoltre, contatteremo anche il Presidente Zingaretti e i nostri referenti politici in Regione Lazio, per iniziare l'iter di tutela anche presso la Pisana. Speriamo che la politica di Aprilia non perda l'ennesima occasione e deluda nuovamente i tanti cittadini che hanno partecipato a questa importante iniziativa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400