Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




0

Cimitero nel degrado, l'opposizione serra le fila

Sonnino

La denuncia di Nuovo Progetto Sonnino

Il cimitero di Sonnino è, da diverso tempo, al centro dell’attenzione. Non solo dei cittadini, ma anche delle forze politiche. Poco meno di un anno fa, peraltro, la cronaca si occupò del camposanto del centro collinare ausono per delle vicende, ancora non completamente chiarite, di natura strutturale o, forse, igienico-sanitaria che portarono al sequestro di una parte della struttura. In questi giorni, si torna a parlare del cimitero sonninese per il degrado in cui versa.

Una situazione, pare, insostenibile non solo per l'incuria, ma anche e, soprattutto, per l'assenza di rispetto nei confronti di chi vi è seppellito. A sollevare la questione, questa volta, è il gruppo “2012 Nuovo Progetto Sonnino con Lorenzo Magnarelli”. Un gruppo politico, in verità, che di segnalazioni ne ha già fatte in passato. Senza, a quanto pare, aver ricevuto non solo adeguate risposte, ma soprattutto senza aver notato i necessari interventi.

E allora torna alla carica, accompagnando le segnalazioni con un corredo fotografico. «Abbiamo segnalato l'anno scorso – scrivono gli esponenti del gruppo politico di opposizione alla Giunta di Luciano De Angelis - e anche quest'anno come gli amministratori di Sonnino siano stati capaci di scrivere parole e parole, indossare la fascia (tricolore) al momento stabilito, porre l'omaggio, ma non abbiano avuto il buon senso, il rispetto e il sano valore di recarsi nei luoghi dei bombardamenti lasciandoli marcire, anche nel giorno del ricordo, nell'incuria».

Gli esponenti di NpS affermano, senza mezzi termini, che a loro non servono «ricorrenze, feste né omaggi floreali», ma vogliono soltanto segnalare la situazione di degrado in cui versa il camposanto del centro collinare ausono. Un luogo che, negli ultimi anni, «è stato scenario di brutte pagine scritte da varie amministrazioni e opposizioni».

E sottolineano «il crollo del monastero, che ha portato con sé pagine di storia, di gare di appalto inesistenti», denunciando come oggi la situazione del cimitero sonninese sia di «completo abbandono, tombe divelte, sacchi di immondizia, erbacce in ogni dove». Ancora una volta, “2012 Nuovo Progetto Sonnino con Lorenzo Magnarelli” torna a chiedere con forza «rispetto per i nostri defunti» e che quel luogo di riposo eterno non sia pieno «di sporcizia e di incuria».

Perché un luogo sacro, che ricorda sofferenza e rappresenta la memoria storica del paese «non può essere lasciato in completo abbandono».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400