Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

.




0

Bulbi d'oppio e pasticche illegali, scatta il maxi sequestro

Anzio

I carabinieri hanno arrestato due persone, recuperati venti chili di bulbi di papavero e 20mila medicinali importati senza permesso

Ancora un maxi sequestro di bulbi di papaveri da oppio essiccati messo a punto dai carabinieri ad Anzio.

Nello specifico, i militari del Nucleo operativo e radiomobile della locale compagnia sono riusciti a recuperare circa venti chili di bulbi e ad arrestare due cittadini indiani - regolari sul suolo nazionale - che nascondevano nella loro auto il carico sopra citato, insieme a ventimila pasticche di “Spasmo Proxyvon Plus”, un potentissimo medicinale con effetti simili a quelli dell'eroina, diffuso in India ma il cui uso è vietato in Europa: la sua importazione in Italia, dunque, è stata illegale, anche perché contiene oppioide sintetico e viene venduto a basso costo.

I militari, che tenevano d’occhio i due, dopo un lungo servizio di osservazione e pedinamento hanno deciso di perquisire l’autovettura su cui si viaggiavano, rinvenendo l’ingente quantitativo di bulbi e pasticche.

"Secondo le prime analisi di laboratorio - hanno spiegato dall'Arma - i soli bulbi avrebbero fruttato quasi mille dosi a base di morfina. Erano suddivisi in 200 buste sigillate da circa 100 grammi ognuna, pronti per essere immessi sul mercato illegale".

Cosa c'entrano, però, le pasticche? E' presto detto: spesso i braccianti indiani, oltre a fumare o masticare l'oppio, assumono contemporaneamente anche le pasticche di “Spasmo Proxyvon Plus”, per amplificare gli effetti della morfina.

Va ovviamente ricordato che questo è il secondo sequestro in meno di un mese di bulbi di papavero che i carabinieri anziati hanno effettuato. Solo due settimane fa i militari avevano rinvenuto altri 25 chili di bulbi, analogamente confezionati e dunque pronti per essere smerciati. 

Per concludere, dopo l’arresto i due uomini, che dovranno rispondere dell’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, sono stati trasferiti nel carcere di Velletri a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400