E’ finita a Napoli la latitanza di Michele Marano, 44 anni, indagato nell’operazione «Terminal» condotta nelle scorse settimane dagli agenti del Commissariato di Terracina e dalla Squadra Mobile di Latina. L’uomo nei cui confronti pendeva un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e si era sottratto alla cattura, è stato arrestato ieri.
Gli investigatori della Squadra Mobile, coordinati dal vicequestore aggiunto Antonio Galante, lo hanno catturato nel capoluogo partenopeo dove si trovava. Al momento non si conoscono altri dettagli dell’operazione.
L’inchiesta condotta dalla Procura di Latina e dal pm Marco Giancristofaro, ha permesso di fare luce su un giro di spaccio di sostanze stupefacenti tra Roma, Terracina e poi anche il capoluogo pontino.