Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

.




0

Zannone nel degrado: Vigorelli denuncia Parco e Corpo forestale (LA GALLERY)

Ponza

Dalla protesta alla denuncia. Dopo aver chiesto a più riprese interventi per restituire decoro a Zannone, essendo ormai l'isola in completo stato di abbandono, la villa un tempo del marchese Casati Stampa ridotta a un rudere ed essendo presenti in quell'area ben tre discariche, il sindaco di Ponza, Piero Vigorelli, ha deciso di rivolgersi alla magistratura e ha denunciato appunto, con l'accusa di essersi resi responsabili di reati ambientali gravi, il presidente del Parco Nazionale del Circeo e il Corpo forestale dello Stato.

“In diverse occasioni - dichiara Vigorelli in una nota - nel corso di sopralluoghi e reportage fotografici da parte del sindaco di Ponza, del comandante della Polizia locale di Ponza, dalla Cooperativa dei Barcaioli Ponzesi e di alcuni turisti in visita guidata presso l’isola di Zannone, sono state raccolte prove documentali di gravissime violazioni ambientali, in un’area che avrebbe dovuto essere protetta da qualsiasi intervento distruttivo da parte dell’uomo. Tale dovrebbe essere la ratio di un Parco Nazionale". Ancora: “Ho documentato da oltre un anno l’esistenza a Zannone di tre discariche a cielo aperto, con materiali di ogni tipo,  nonché di ingenti quantità di veleno per topi sparpagliato qua e là all’interno della villa comunale, alla mercé di chiunque. Due discariche sono a ridosso del Faro di Capo Negro, dove ci sono gli alloggi del Corpo Forestale dello Stato. La prima discarica è un ammasso indistinto di robaccia, con reti da letto, elettrodomestici fuori uso, scaffalature in ferro, mobili a pezzi, e perfino alcuni tubi verosimilmente di eternit. La seconda discarica è sul sentiero in muratura che dal mare porta al Faro. Ci sono una quindicina di sacchi neri di spazzatura, che sono lì da almeno due anni, putrescenti e puzzolenti. La terza discarica, con sanitari a pezzi, reti metalliche, porte e finestre sgangherate, inerti dell’edilizia, è alle spalle della Villa Comunale di Zannone, la “Casa di Caccia” più nota come la villa dei festini del Marchese Camillo Casati Stampa. Qui il Parco del Circeo aveva istallato un ufficio, una specie di museo e un paio di stanze per una foresteria. Il tutto, oggi, è in condizioni di degrado assoluto e impresentabile. Infine, il veleno topicida gettato a terra alla rinfusa e centinaia di scatole nere per la cattura dei roditori, sono all’interno della fatiscente Villa Comunale. Sono quantitativi abbandonati e non smaltiti del progetto europeo Life-Ponderat di eradicazione del ratto nero. Un progetto finanziato dall’Europa e con la collaborazione del Parco del Circeo. E’ dal gennaio del 2015 - prosegue Vigorelli - che ho denunciato e documentato questo schifo nelle sedute del nuovo Consiglio Direttivo del Parco appena insediatosi e del quale faccio parte. Una seduta del CD si è perfino tenuta a Ponza nel settembre del 2015. Da allora ad oggi non è successo un bel nulla. Tante chiacchiere e nessuna iniziativa concreta da parte del Presidente del Parco, Dott. Gaetano Benedetto, che è seduto su quella poltrona dal 2007. Operoso silenzio anche da parte della Forestale, che pure riceve annualmente dal Parco una bella somma di denaro. Per chi non lo sapesse, in tutti questi anni a Zannone hanno soggiornato per lunghi o brevi periodi solo e soltanto il Corpo Forestale, qualche funzionario del Parco, alcuni ornitologi. Nessun altro. La situazione non è più tollerabile. I responsabili devono essere individuati e puniti severamente. L’opinione pubblica deve conoscere lo scempio ambientale che le autorità preposte alla difesa della natura hanno permesso si realizzasse a Zannone, in un Parco Nazionale. La settimana scorsa ho quindi presentato formale denuncia per gravi reati ambientali al Procuratore Capo di Cassino, il Dott. Luciano D’Emmanuele. La denuncia, con istanza di espressa punizione e riserva di costituzione di parte civile, è nei confronti del Corpo Forestale dello Stato, del Presidente del Parco del Circeo, e di ogni altro soggetto che la Procura di Cassino riterrà responsabile. Nella denuncia si fa riferimento alla nuovissima legge n. 68 del 22 maggio 2015 che ha rafforzato le misure di repressione dei reati ambientali. Il ministro dell’Ambiente, on. Gian Luca Galletti, e il ministro delle Politiche Agricole, Dott. Maurizio Martina, sono stati preventivamente e doverosamente informati dal Sindaco di Ponza di questa denuncia. So bene che la denuncia del Sindaco, su carta intestata del Comune di Ponza, è un atto grave perché è diretta contro un Corpo dello Stato e un alto dirigente. Ma la situazione di Zannone è di inaudita gravità. Zannone - conclude - è un’isola di grande bellezza. Era incontaminata. Non ha mai avuto grandi insediamenti umani. Nel Medioevo c’erano i monaci benedettini, in un convento i cui resti sono oggi cumuli di macerie. Nel Novecento il Comune affittava la Casa di Caccia a grandi personaggi, fra i quali anche Scarfoglio con Matilde Serao e la principessa Mafalda di Savoia. Oggi Zannone è un panorama di desolazione. Il sentiero che dall’ormeggio del Varo porta alla Villa Comunale, è tuttavia perfettamente pulito.  Farlo, era un compito istituzionale della Forestale e del Parco, ma negli ultimi tre anni le pulizie sono state fatte dai volontari della Pro Loco di Ponza, d’intesa con il Comune. Questa è la sola cosa pulita che oggi si trova a Zannone. Ed è made in Ponza”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400