Anche da semplici lavori per il rifacimento di una strada può spuntare un tesoro. E' quanto scoperto com'è noto a Monte San Biagio dove è riaffiorato un tratto di Appia Antica. I primi scatti sono stati pubblicati sul profilo Facebook dell'avvocato Massimo Basile. "La nostra grande e luminosa storia - questo il commento  -  che riaffiora:l'originale ed intatto basolato dell'antica Appia,"Regina Viarum",(emerso oggi durante i lavori per l'acquedotto,credo,al km 110,nei pressi del bivio di Vallemarina)...un orgoglio unico ed una magica,indescrivibile emozione". Ed ora già in molti si interrogano sul futuro della scoperta con il grande auspicio che venga valorizzata e che non torni ad essere coperta dalla terra. Un ritrovamento che assume ulteriore importanza se si pensa alle iniziative che proprio di recente sono state messe in campo per valorizzare gli antichi cammini nel Lazio, dalla via Francigena all'Appia per l'appunto. Molti i commenti arrivati dal web anche attraverso la nostra pagina Facebook, domande che riguardano per l'appunto il futuro del sito archeologico ma non solo. Alcuni lettori hanno fatto notare come in effetti l'antico tracciato non si trovasse in profondità, c'è quindi il sospetto che probabilmente sia stato coperto in passato. Altri lettori non sono meravigliati della scoperta in considerazione del punto in cui il tracciato è stato scoperto. Nella maggior parte dei casi i lettori sono concordi sul fatto che ora gli scavi debbano andare avanti.