Buche e voragini, una strada dimenticata dove macchine e motorini fanno a zigzag per evitare di sprofondare nei crateri. E dove la presenza di un operaio è talmente improbabile che i residenti sono rassegnati. Non abbastanza, però, per lanciare l’ultimo appello affinché si intervenga prima che possa verificarsi un incidente anche molto grave. E sì, perché se qualcuno fino a oggi se l’è cavata con qualche danno alla macchina, ci si chiede fino a quando auto e scooter potranno continuare a schivare quelle voragini che, quando piove, si riempiono d’acqua e diventano invisibili.