Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




0

"Protagonisti, valori e idee della coalizione dei liberi": Procaccini presenta le liste

Terracina

L'ex sindaco: "Vogliamo tornare a guidare la città. Vinceremo perché abbiamo la motivazione"

"L’entusiasmo dei giovani della Lista Procaccini, tutti under 50 e per la prima volta in politica, la ricchezza e il pluralismo di valori e vedute di SìAmo Terracina, il miracolo della Lista Sciscione, che ha avuto il coraggio di andare oltre le barricate politiche per condividere scelte fondamentali per il bene della città e, ancora, la determinazione e l’amore per le grandi sfide di Fratelli d’Italia e la sincerità di Noi con Salvini: c’era questo e molto di più per la folla di cittadini che ieri sera ha riempito Palazzo Braschi in occasione dell’apertura ufficiale della campagna elettorale di Nicola Procaccini". Si presenta così, in una nota stampa, la festa che si è svolta domenica sera alla "Scuderia". 

"La Coalizione dei Liberi sono centoventi terracinesi, uomini e donne che vogliono difendere Terracina e portare a termine il percorso di risanamento morale e materiale iniziato e poi interrotto bruscamente il 6 maggio 2015. Con un elenco di circa quaranta punti – tra opere pubbliche, servizi e iniziative a sostegno della cultura, dell’arte e della collettività, grandi eventi e cantieri aperti – molto infatti è stato fatto nel corso della passata amministrazione Procaccini, ma la verità è che molto di più si potrà fare insieme perché, come ama ripetere il candidato sindaco, “il meglio deve ancora venire”.

Le politiche sociali aprono la presentazione del nuovo programma per il futuro di Terracina: “Nonostante il dissesto, anche quando ci siamo trovati dinanzi a difficoltà economiche enormi, non abbiamo mai pensato di togliere qualcosa a chi ha più bisogno – ci tiene a precisare Procaccini – anzi, abbiamo sempre cercato di migliorare le prestazioni e potenziare i servizi sociali”. Un piano integrato e la fattiva collaborazione tra l’Azienda Speciale e le associazioni di volontariato che operano sul territorio segnano il metodo di lavoro per garantire la tutela della famiglia, la valorizzazione degli anziani, un’attenzione particolare ai giovani, la maggior facilità d’integrazione degli immigrati. “Ma c’è un bellissimo progetto che, tra i tanti, vorrei raccontarvi. – continua il candidato - S’intitola ‘Dopo di noi’ ed è l’impegno ad alleviare le preoccupazioni di genitori e familiari di persone disabili per quel che sarà il loro futuro quando non ci saranno più, grazie alla creazione di struttura residenziale comunale”. Progettualità, pianificazione e marketing strategico sono le parole chiave anche per il turismo, in cui la scelta di fondo è a favore di un target medio-alto, da conquistare con la riorganizzazione della rete alberghiera e il potenziamento di bed & breakfast e pensioni a conduzione familiare, la valorizzazione dell’immenso patrimonio enogastronomico locale, l’investimento in eventi di respiro nazionale e internazionale e l’istituzione di un Parco Archeologico con l’inserimento del Centro storico alto, i resti della via Appia e del Porto Traianeo in un sistema denominato “Terracina Città Museo”, mentre lo sviluppo di un Polo fieristico e l’organizzazione di un Calendario annuale favorirebbero la destagionalizzazione dei flussi turistici. 

Dal Palazzo dell’Agricoltura, che ospiterà i servizi per gli imprenditori del settore e la promozione dei prodotti del territorio, alla nuova darsena dedicata alla pesca professionale, dagli incentivi per le piccole attività commerciali e gli sgravi fiscali per le attività stagionali sino alla complessiva riduzione delle tasse, in ragione dell’imminente uscita dalla condizione di dissesto finanziario, sono davvero parecchie anche le misure a sostegno del lavoro e della crescita economica. E si potrebbe continuare a parlare per ore: tutela dell’ambiente e mobilità sostenibile, sicurezza e controllo del territorio, strade, parcheggi, piazze e una serie di interventi che, quartiere per quartiere, dal centro alle periferie miglioreranno sensibilmente la fruibilità della città e la qualità della vita di residenti e turisti. “Il nostro programma per una Terracina bella, fiera, libera è fatto di cose vere, concrete e tutte possibili, ma non rinuncia a progetti ambiziosi, come la riapertura della via d’acqua che attraversa la città. – spiega Procaccini – Il sogno è riuscire a utilizzare la rete di canali della bonifica per il trasporto pubblico, costruire grandi parcheggi a nord e a sud, dove lasciare le auto per imbarcarsi sui tradizionali ‘sandali’ della palude pontina e arrivare in centro, al Ponte del Salvatore, per visitare la città bassa o salire in ascensore al centro storico alto”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400