Si va facendo sempre più complessa l’opera di mediazione della prefettura per gestire il flusso dei migranti in arrivo sul territorio della provincia di Latina. Il programma ministeriale che aveva previsto l’accoglienza di 540 unità da ripartire nei trentatrè Comuni pontini si è rivelato statisticamente inadeguato prima del previsto, costringendo gli organi di governo decentrati a cercare soluzioni tampone che devono comunque garantire livelli di accoglienza dignitosi, oltre che praticabili. Nell’ultimo mese il numero dei migranti che hanno raggiunto la provincia di Latina è risultato essere il doppio del previsto, con oltre mille unità presenti, ma quello che tiene la prefettura costantemente allertata è la previsione che da qui ad ottobre, in concomitanza con gli sbarchi sulle coste siciliane, il numero di esuli che verranno dirottati a Latina sarà di almeno altre mille unità.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (11 agosto)