Il Comune di Aprilia rimborserà i 14 cittadini che, a proprie spese, hanno dovuto prendere un treno per andare a Perugia e partecipare alla Marcia della Pace dopo aver atteso invano l'arrivo del pullman in piazza dei Bersaglieri. Un mancato servizio (l'amministrazione comunale aveva messo a disposizione un bus) causato da un malore dell'autista della Tesei Bus, che non si è potuto presentare all'appuntamento prefissato. Un disguido che tuttavia ha creato notevoli problemi, visto che ben cittadini - infuriati per il ritardo e per la mancanza di informazioni - hanno rinunciato al viaggio. "Siamo rammaricati dell’accaduto – afferma il Sindaco Antonio Terra - ma dai chiarimenti forniti dalla ditta incaricata, che si è assunta la piena responsabilità evidenziando che si è trattato del primo caso in tanti anni di puntuale servizio, è emerso che l’autista ha avuto un malore improvviso poco prima della partenza. Una volta avvisato il titolare della ditta, questi, si è attivato per recuperare a proprie spese i quattordici cittadini che nel frattempo avevano deciso di partire con il treno”.

E i quattordici "irriducibili" che hanno deciso di andare in Umbria per partecipare alla Perugia-Assisi saranno rimborsati dall'amministrazione comunale. "Provvederemo - afferma Terra - a rimborsare i 160 euro pagati per i biglietti". Resta comunque la brutta figura per un episodio spiacevole, che ho rovinato il weekend a diverse persone.