Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




La Polizia locale presso la ex Canebi di via Tiberio
0

Invase di nuovo le case ex Canebi

Aprilia

Rioccupata la ex Canebi.
Chi vive intorno alle palazzine che si trovano tra via Tiberio, via Mascagni e via Moro, lo sa bene. Dopo gli sgomberi, le chiusure degli accessi, un primo periodo in cui la società che cura la proprietà dopo i fallimenti ha pagato delle guardie giurate per evitare nuove invasioni, appena tutto questo è passato, gli appartamenti vuoti sono stati sempre occupati negli ultimi tempi. Solo per dormire qualche ora certo, ma costantemente.

Quegli appartamenti a pochi metri dal centro fanno ancora gola a molti disperati.


Riprova ne sono i vari punti in cui la recinzione è stata più volte danneggiata ed in cui sono stati praticati dei fori.
A più riprese infatti gli agenti della Polizia locale sono dovuti intervenire e, insieme al personale della Multiservizi hanno di volta in volta tentato di chiudere ogni accesso. E ieri mattina si è tenuto un intervento identico. Questa volta, dopo che gli uffici di piazza Roma sono riusciti a ricevere una risposta dalla società che gestisce la proprietà, l’intervento è stato effettuato con gli operai della società.


Poco prima infatti, gli agenti dal comandante Marini avevano effettuato un sopralluogo per cercare eventuali occupanti. Hanno riscontrato l’invasione, ma di fatto non è stato trovato nessuno. Si tratta, spiegano dal Comando di viale Europa, di una operazione che risponde alla numerose istanze dei residenti e che è stata fortemente voluta dallo stesso sindaco che sulla questione delle occupazioni da tempo ha avviato una campagna e una serie di interventi proprio volti al ripristino delle condizioni di igiene e di legalità presso i siti invasi sul territorio.


Sono infatti una decina i siti e gli immobili liberati e bonificati dall’inizio di agosto. Tra questi ci sono aziende dismesse, ci sono casali abbandonati, ci sono aree in cui i rom, da anni, avevano realizzato baracche con materiali di recupero a pochi metri dai binari della ferrovia nei pressi della stazione. Ci sono anche una cabina dell’Enel, e due case cantoniere lungo la ferrovia Roma-Nettuno.
Ci sono poi realtà come la Canebi, con decine di appartamenti a pochi metri dal centro che fanno gola a molti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400