Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Il pozzo si esaurisce, scuola "allacciata" alla Chiesa

La scuola di via Strampelli, ad Ardea

0

Il pozzo si esaurisce, scuola "allacciata" alla Chiesa

Ardea

L'ordinanza del sindaco per il plesso di Pian di Frasso, sarà la Parrocchia a rifornire di acqua l'edificio scolastico

Il pozzo della scuola è esaurito? Niente paura, c’è quello della Parrocchia. È questo, in estrema sintesi, quanto accaduto venenrdì ad Ardea, quando il sindaco della città - Luca Di Fiori - ha firmato un’ordinanza per disporre il collegamento dell’impianto idraulico del plesso scolastico di Pian di Frasso al pozzo da cui prende l’acqua la Parrocchia “Regina Pacis”.

Il primo cittadino, infatti, ha preso atto che il pozzo artesiano sito al di sotto della scuola di via Strampelli è vetusto e si è ormai insabbiato: di conseguenza, lo stesso “non risulta essere più idoneo alle necessità del plesso, in quanto le operazioni di emungimento dell’acqua sono difficoltose a causa dell’eccessiva sabbia presente nel sottosuolo, la quale procura evidenti danni all’impianto di pompaggio dell’acqua e dell’impianto di depurazione”.

In virtù di tutto ciò, Di Fiori ha evidenziato che la scuola confina col terreno su cui è stata costruita la Parrocchia “Regina Pacis”, anch’essa servita da un pozzo per l’approvvigionamento idrico: di conseguenza, ai sensi di un paio di articoli del Codice civile che riguardano la somministrazione coattiva di acqua da parte di un confinante verso l’edificio limitrofo, ha ordinato - stante l’urgenza della situazione - di utilizzare l’acqua della Chiesa per alimentare la scuola.

Non essendo stati espressi motivi ostativi all’uso del pozzo da parte della Curia, il sindaco ha ordinato a una ditta di procedere allo spostamento della pompa sommersa e della relativa tubazione di adduzione dal preesistente pozzo della scuola a quello situato nel piazzale della Chiesa “Regina Pacis”.

Ovviamente, il sindaco ha disposto che l’ordinanza fosse eseguita immediatamente, dando mandato al dirigente dell’Area tecnica “di provvedere al controllo dell’attuazione dell’ordinanza” stessa e di predisporre tutti gli atti utili alla liquidazione dei lavori eseguiti e le relative spese per i compensi professionali.

Insomma, salvo sorprese dell’ultimo minuto, alla riapertura della scuola ci sarà l’acqua nel plesso di via Strampelli grazie al pozzo della Parrocchia guidata da don Alexandro de Jesus Ceballos e alla decisione del sindaco di far allacciare la scuola al pozzo della Chiesa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400