Arriva dall'associazione "Fare Verde onlus" la nuova segnalazione circa la presenza di alcuni scarichi abusivi all'interno del fosso di Martin Pescatore Basso, che raccoglie le acque di zona e sfocia in mare. 

In particolare, gli ambientalisti hanno segnalato come esistano due tipi di anomalie in zona: la prima riguarda gli edifici che - ancora oggi, nonostante un'ordinanza di dieci anni fa - conferiscono le acque meteoriche nelle fogne, creando sovraccarico ai depuratori; la seconda, invece, è inerente lo sversamento di liquami nel fosso alla fine di via Milazzo, portando acqua fognaria in mare. 

In tal senso, i volontari hanno rimarcato come - nonostante il sopralluogo dello scorso 5 novembre da parte di Arpa Lazio, Capitaneria di Porto e polizia municipale - sia ancora presente una situazione delicata, anche se le utenze della zona, visto il periodo autunnale, sono diminuite.

L'appello, dunque, è rivolto alle autorità competenti al fine di suscitare un intervento risolutivo del problema.