Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Pubblica illuminazione Incarichi per il nuovo piano
0

Maxi appalto per i Led, De Meo: "Tutto in regola"

Fondi

Il sindaco replica alle accuse del Pd e spiega: "Attendiamo il Consiglio di Stato"

Secondo il Pd ci sono lati oscuri da chiarire, a tal punto che il gruppo consiliare di opposizione ha perfino minacciato di portare tutte le carte alla Corte dei Conti. Il sindaco Salvatore De Meo smorza subito la polemica: nessun dubbio - afferma - è tutto in regola. La vicenda riguarda l'appalto a Led e le note vicende giudiziarie che hanno riguardato l'affidamento annullato dal Tar la scorsa estate e in attesa della pronuncia definitiva da parte del Consiglio di Stato. 

Nelle more del pronunciamento del Consiglio di Stato - si legge in una nota del sindaco De Meo - il Comune di Fondi ha solamente affidato il servizio di manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione alla ditta individuata per gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica. I costi di tale manutenzione, inclusi nel canone di concessione, sono quelli derivanti dalla procedura di affidamento, ovviamente riferiti al solo periodo necessario ad attendere l’esito del ricorso. Inoltre, constatato che la succitata ditta aveva già provveduto alla volturazione a suo carico dei contratti di fornitura di energia elettrica, al fine di evitare ulteriori costi di volturazione, oltre che in considerazione della tempistica necessaria alle relative rivolturazioni, che si aggira sui 3 mesi ca. – e sempre nelle more del contenzioso in corso – sono stati mantenuti in essere i suddetti contratti, prevedendo a favore della ditta incaricata il solo rimborso dei relativi consumi, oggettivamente desumibili dalle fatturazioni.

«E’ evidente – affermano il Sindaco Salvatore De Meo e il Dirigente LL.PP. Martino Di Marco – che ci troviamo di fronte ad una situazione particolare, dove il TAR ha annullato l’aggiudicazione ma ne ha comunque stabilito l’efficacia fino al 31 Dicembre 2015, termine entro il quale la ditta ha potuto realizzare gli interventi di efficientamento. Così come si è avuto modo di chiarire nei lavori della Commissione tenuta in merito, nella piena convinzione delle proprie ragioni il Comune ha ricorso in appello al Consiglio di Stato, e solo all’esito del pronunciamento si potranno assumere determinazioni definitive. Esse, evidentemente, dovranno tenere conto sia dell’impegno del Comune a rimborsare alla ditta realizzatrice i costi dell’intervento effettuato sia della necessità del Comune a dover  garantire la relativa manutenzione degli impianti».  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400