Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




sperlonga
0

Economia, si riparte dai beni archeologici

Sperlonga

L'iniziativa in concomitanza con l'avvio del restauro di Villa Prato

L’economia può ripartire anche dai beni archeologici. È in quest’ottica che va letta la delibera adottata nei giorni scorsi dalla giunta municipale di Sperlonga dopo la relazione dell’assessore all’Urbanistica e di quello alla Cultura, che hanno ribadito “l’importanza e l’articolazione dei reperti archeologici esistenti nel territorio comunale”, che rappresentano una grande opportunità in termini di “prestigio e di sviluppo economico-sociale della comunità”. Per questo motivo l’ente locale ha ritenuto opportuno “delineare un quadro complessivo del patrimonio archeologico esistente nel Comune, affinché alla sua tutela, compito primariamente spettante alla competente Soprintendenza, - così nella delibera – si accompagni una ottimale valorizzazione anche territoriale”. Un’esigenza che la giunta definisce “da troppo tempo trascurata” e che ora assume un particolare carattere di attualità per l’avvio dell’intervento su Villa Prato, “che per la sua importanza vanificherebbe tutta la premessa se non inquadrato in un programma più generale, che tenga conto dei rapporti storico-paesistici, fisici e visivi che legano il complesso archeologico all’immediato contesto territoriale, evitando così che il restauro resti un evento isolato, come tale inidoneo a innescare tutte le pur amplissime potenzialità di innovazione”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400