Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Iannuzzi: " Una commissione d'accesso al Comune di Sperlonga"

Il palazzo comunale di Sperlonga

0

Cusani torna in carica, è polemica

Sperlonga

Cessati gli effetti della sospensione per la legge Severino

Il consigliere comunale Armando Cusani è tornato in carica: il Consiglio comunale di Sperlonga nella giornata di ieri ha provveduto a deliberare la sua reintegra, essendo ormai cessati per lui gli effetti della legge Severino. Ma le polemiche non si sono fatte attendere, con un duro botta e risposta tra il consigliere comunale Anna Scalfati e il sindaco facente funzioni Francescantonio Faiola, che alla fine ha deciso di abbandonare con la maggioranza l’aula consiliare, facendo venir meno il numero legale e chiudendo così, di fatto, l’ultima assise civica di questa consiliatura.
Ben quindici i punti all’ordine del giorno trattati dall’assise civica di ieri, che si è aperta appunto con la reintegra di Armando Cusani, che secondo varie voci è il possibile candidato sindaco dell’attuale compagine di maggioranza alle prossime elezioni. Gli effetti della sospensione inferta all’ex presidente della Provincia di Latina in base alla legge Severino per una condanna di primo grado per abuso d’ufficio in merito alla “rimozione” dell’ex comandante della polizia locale sono infatti ormai cessati e pertanto Cusani, che però non ha preso parte all’assemblea, è tornato ufficialmente in carica come consigliere comunale, riprendendo il posto che temporaneamente è stato ricoperto da Mario Palma.
Poi la discussione si è spostata sul Bilancio e non sono mancate polemiche e scambi di battute tra maggioranza e opposizione. Il consigliere comunale Benito Di Fazio, ad esempio, ha sottolineato come a suo dire la maggioranza non potesse inserire in bilancio un milione e mezzo di euro di finanziamento per il parcheggio di Bazzano, che la Regione Lazio ha “congelato” con un provvedimento oggetto di impugnazione innanzi al Tar. Duro anche l’intervento di Alfredo Rossi, che invece ha “bacchettato” l’amministrazione comunale per le spese legali sostenute di recente per presentare una serie di esposti e querele. Su ogni punto il sindaco ha ribattuto sostenendo la regolarità delle azioni amministrative intraprese.
A chiudere, il duro intervento del consigliere Anna Scalfati. «Il biglietto da visita di questa città sono le gru, le buche, i sequestri e il cemento. Voglio ricordare una porzione di terreno in località “Angolo” espropriata per uso pubblico e poi affittata dal Comune a privati». Poi la discussione si è incentrata su Armando Cusani e sulle vicende giudiziarie di parte della maggioranza attualmente in carica. A quel punto il sindaco Faiola, replicando al consigliere d’opposizione ed esortandola a formulare le sue accuse alla presenza del contro-interessato, si è alzato e ha abbandonato la seduta insieme alla maggioranza. Prima a quanto pare, però, è volata qualche parola forse “di troppo”, tanto che il consigliere Scalfati a margine dell’assise civica ha preannunciato di voler intraprendere azioni legali nei confronti del sindaco facente funzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400