La posta arriva in ritardo, i portalettere non passano più con frequenza quotidiana e a rimetterci sono come al solito gli utenti del servizio. La denuncia arriva dall’opposizione consiliare di Lenola, con i consiglieri Fernando Magnafico del Movimento Civico e Severino Marrocco di Per Lenola che alzano la voce. In questi giorni, spiegano in una nota, numerosi cittadini hanno infatti lamentato che il recapito delle lettere in alcune zone è diventato non più quotidiano, in certi casi perfino settimanale. «Oltre a ciò – lamentano i consiglieri di minoranza – i postini vengono spesso sostituiti comportando un ulteriori ritardo a causa della mancanza di conoscenza di strade, piazze, periferie e contrade». 

L'impressione, sostengono Magnafico e Marrocco, è che Lenola continui ad essere «un fanalino di coda» negli interessi generali di Poste Italiane. A cui chiedono una risposta sul perché si stiano verificando questi disagi. Intanto dall'opposizione è partita anche una mozione in Consiglio per coinvolgere l’intera amministrazione comunale. «Il problema riguarda tutto il territorio e ci sembra strano che ancora nessuno se ne sia interessato. Abbiamo diritto ad un servizio efficiente ed agiremo con l’auspicio che la situazione cambi al più presto».