Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Tagli e proteste: sarà un anno di fuoco
0

Ospedale, nuove aperture dalla Asl

Fondi

Il confronto col manager Asl Casati. Il sindaco De Meo: "Ora vogliamo risposte"

Si è tenuto nel pomeriggio di ieri presso la Casa comunale di Fondi l’incontro richiesto dai Capigruppo consiliari e dalla Commissione Servizi sociali con il Commissario straordinario della ASL di Latina Giorgio Casati. All’incontro hanno preso parte anche il Sindaco di Fondi Salvatore De Meo, il Direttore sanitario ASL Luciano Cifaldi e i rappresentanti della Fondazione San Giovanni di Dio e del Comitato pro Ospedale. In apertura il Sindaco ha riepilogato le criticità complessive del nosocomio di Fondi a fronte dell’eccellenza che il “San Giovanni di Dio” aveva rappresentato negli anni precedenti a livello provinciale e regionale. De Meo ha tenuto a sottolineare che il lavoro di pianificazione che il Commissario Casati sta ponendo in essere deve necessariamente tenere conto dei dati storici dei presidi di Fondi e Terracina e non della situazione attuale, derivante da una costante diminuzione del personale e delle risorse negli ultimi anni, e che le comunità del comprensorio non intendono più continuare a subire il depauperamento dei livelli assistenziali e dei servizi ospedalieri: «Lo sguardo deve necessariamente essere proiettato a lungo termine, per cui è necessario che si faccia chiarezza sul futuro del nosocomio fondano e si prendano decisioni vere su come strutturarne la funzione nell’ambito della rete ospedaliera provinciale».

Il Sindaco, pur riservandosi nei prossimi giorni di formulare una proposta articolata in considerazione dell’apertura dei termini previsti dalla Regione Lazio per la modifica dell’Atto aziendale, ha anticipato al Commissario Casati la sua intenzione di sollecitare un coinvolgimento diretto del Presidente Nicola Zingaretti in ragione delle rassicurazioni da questi già espresse in occasione dei precedenti incontri. Pur di fronte alle tante difficoltà rappresentate, si è aperto un confronto costruttivo teso ad accogliere le proposte dei territori. Casati ha infatti ribadito la centralità del nosocomio fondano nell’ambito della rete ospedaliera della provincia di Latina, sconfessando le voci che prefigurerebbero un declassamento della struttura o una soppressione dei reparti di Ostetricia e Ginecologia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400