Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

.




Addio a Di Fazio, tensione in chiesa
0

Polemica dopo i funerali dell'ex consigliere Di Fazio, il duro intervento di Sinistra Italiana

Sperlonga

Non convince la posizione dell'arcidiocesi di Gaeta rispetto quanto accaduto nel corso dei funerali dell'ex consigliere comunale di Sperlonga, Benito Di Fazio. Il discorso commosso di Nicola Reale, il parroco che si dissocia da quanto letto dall'amico di Di Fazio, le critiche anche durante il corso della celebrazione da parte dei presenti, alcuni dopo l'intervento del parroco hanno scelto di andarsene. Si solleva la polemica ed oggi arriva la "difesa", dell'arcidiocesi di Gaeta rispetto le scelte del parroco. Sinistra Italiana non ci sta e con una durissima nota mantiene i riflettori accesi su quanto accaduto. 

"Sinistra Italiana della provincia di Latina - si legge nella nota -  esprime il proprio cordoglio per la morte di Benito Di Fazio, che da Consigliere Comunale a Sperlonga ha condotto anni di battaglie contro il malaffare e la distruzione del territorio nel proprio paese. Il suo impegno inizia ora a mostrare i propri frutti, con gli interventi della Magistratura che cominciano a svelare la trama dei rapporti tra amministrazione pubblica e interessi privati. Una lotta segnata anche dalle intimidazioni e minacce che Di Fazio ha subito fino a tempi recentissimi. Proprio la denuncia di questo clima e la necessità di lottare per il ripristino della legalità devono aver infastidito il sacerdote che celebrava il rito funebre, tanto da indurlo a tentare di interrompere la commemorazione tenuta da una delle persone che lo avevano affiancato nella vita e nell’impegno. Non sopporta, il parroco, che nella sua Chiesa di parli di 'mentalità mafiosa'. Farebbe bene a preoccuparsi se tale mentalità sia invece presente tra i suoi parrocchiani e nella sua comunità. Ma forse gli sfuggono esempi come quelli di don Puglisi, don Diana e i tanti sacerdoti che sono in prima linea contro le mafie. Sinistra Italiana condanna nettamente il comportamento del parroco di Sperlonga, rilevando come proprio simili atteggiamenti evidenzino ancor più la necessità di attenzione e impegno per la legalità a Sperlonga e nel sud pontino". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400