La Regione Lazio vuole approfondire la questione e prima di rilasciare un contributo, così come richiesto dal Comune di Sperlonga, commissiona indagini tecniche sul progetto. La vicenda dell’ascensore in località “Angolo”, una struttura che secondo i piani dell’amministrazione comunale metterebbe in collegamento la parte bassa con quella alta del paese, conosce un’importante novità. I primi progetti risalgono al lontano 2008 ma poi, tra varianti e ritardi, l’iter si è trascinato fino a oggi senza che in zona si sia vista l’ombra di un operaio. Il responsabile dell’area Gestione del territorio del Comune ha conferito l’incarico professionale al dottor Riccardo Placitelli. Si tratta di prevedere una stima di costi e benefici, una sorta di rapporto per valutare l’incidenza positiva sull’opera pubblica per il paese.  L’analisi tecnica, che costerà alle casse del Comune di Sperlonga meno di mille euro, è stata richiesta direttamente dalla Regione. L’amministrazione comunale del sindaco Armando Cusani, infatti, lo scorso ottobre ha approvato il progetto esecutivo dell’impianto meccanizzato e successivamente ha trasmesso alla direzione regionale “Sviluppo economico e attività produttive” dell’area Economia del mare, tutta la documentazione in merito a una richiesta di finanziamento. 

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (giovedì 5 gennaio)