Dopo aver ricevuto la segnalazione il Comune ha avviato accertamenti. Le verifiche scaturiscono dalla denuncia dell’associazione “Anpana” in merito a una discarica abusiva sulla strada provinciale Itri-Sperlonga. Tempo fa i volontari insieme agli agenti dell’allora Corpo forestale di Itri hanno trovato all’altezza del chilometro 10 e 800, tra Itri e Sperlonga, una discarica a cielo aperto. In mezzo alla vegetazione c’era di tutto, dai calcinacci ad altri scarti di lavori edili. Ma anche rifiuti più pericolosi tra cui amianto, carcasse di auto bruciate e perfino i resti di animali morti. Denunciati i fatti, gli uffici comunali di Sperlonga si sono attivati per accertare la presenza dei rifiuti pericolosi e di conseguenza per risalire ai responsabili. L’ufficio ambiente ha infatti accertato la presenza di automobili carbonizzate, carcasse di animali, calcinacci e amianto. E sono adesso in corso tutti gli accertamenti per risalire al proprietario del terreno e per individuare le responsabilità. Ad ogni modo, mentre le indagini vanno avanti, si provvederà quanto prima alle operazioni di bonifica.
«Invitiamo i cittadini - si legge in una nota del Comune - ad inviare senza indugio le segnalazioni che ritengono opportune poiché questo permette di migliorarci ogni giorno di più. Insieme - prosegue il comunicato dell’ente - teniamo alta la reputazione che il nostro piccolo borgo si è costruito negli anni per la sua indiscutibile bellezza, di cui continuiamo a prenderci cura ogni giorno».