Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Lenola, la maggioranza che non è più di sinistra

Il sindaco Andrea Antogiovanni

0

Lenola, la maggioranza che non è più di sinistra

Dimissioni, cambi di casacca e consiglieri "autonomi": in due anni e mezzo è cambiato tutto

C'era una volta la giunta di centrosinistra. Oggi, a due anni e mezzo dalle elezioni, quella di Lenola al massimo è una maggioranza di centro. Al di là del sindaco Andrea Antogiovanni, tesserato Pd, per il resto la maggioranza indossa una casacca che si direbbe centrista e basta. 

Eppure, al momento delle elezioni del 2013, la giunta era trainata dal Pd. Antogiovanni ne era primo esponente. Poi Paola Izzi, poi dimessasi per prendere il posto di assessore (non votante). E ancora Maria Rita Mastromanno e Lucio De Filippis. La prima si dimise tempo fa, l’altro di recente si è dichiarato "autonomo" rispetto alla maggioranza. De Filippis sostiene di non essere in opposizione, ma sul sito istituzionale del Comune di Lenola lo hanno etichettato a tutti gli effetti come consigliere di minoranza. Per il resto a sinistra nella maggioranza lenolese c'è solo Carlo Pietrosanto, convinto sostenitore di Sel. Il trio Mastrobattista, Di Fonzo e Guglietta, dopo un passaggio in Ncd, sono pure loro "indipendenti", ma di centro. Il resto del Consiglio è formato dal duo Marrocco-Magnafico, in opposizione dal primo momento e il cui raggio politico ruota attorno al perno di Forza Italia.

Di fatto, a voler considerare i consiglieri comunali, l'unico tesserato Pd è Lucio De Filippis la cui posizione è autonoma rispetto al governo. E c'è chi parla ancora di una giunta di sinistra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400