In questo periodo, qualora si avesse voglia di fare una passeggiata, Pisterzo si presenterebbe come un silenzioso borgo assiso su una propaggine dei monti Ausoni: in inverno, infatti, vi abitano stabilmente fra le 70 e le 80 persone.
D'estate, però, la situazione cambia nettamente: complice il ritorno di tante famiglie che, negli anni, sono emigrate in altri territori (Latina, Roma, Guidonia, Carpi e, addirittura, Toronto in Canada e Farsund in Norvegia), la frazione di Prossedi inizia a ripopolarsi e il clima passa dalla tranquillità alla gioia fatta di vociare, risate e camminate serali fra i vicoli.
In più, grazie alla Pro Loco pisterzana - di cui è addetto stampa il cavalier Luigi Pistoia, ex Capo reparto dei vigili del fuoco d'Italia -, la bella stagione rappresenta per Pisterzo un vortice di iniziative, sia di carattere popolare (come feste e sagre) che di tipo culturale.
E anche per la prossima estate, il programma è già in corso di predisposizione: il presidente Michele Feudo, lo stesso cavalier Pistoia e gli altri collaboratori sono pronti a redigere un carnet di iniziative che possa allietare il ritorno di chi ancora possiede una casa nella frazione di Prossedi e, al contempo, garantire un richiamo per i turisti, che potrebbero portare movimento nel borgo ausono, facendo "girare" l'economia territoriale.
L'attesa, dunque, è per i prossimi mesi estivi: intanto, qualora si abbia voglia di conoscere questo angolo della provincia di Latina al confine con quella di Frosinone, si può percorrere la strada regionale dei Monti Lepini in direzione del capoluogo ciociaro, uscire allo svincolo di Prossedi e seguire le indicazioni per Pisterzo. Le sorprese, sicuramente, non mancheranno.