Un regolamento di polizia urbana che disciplini ogni tipo di attività e consenta ai vigili urbani di poterlo applicare. Questo è il prossimo obiettivo dell'Amministrazione comunale che, alla vigilia dell'estate, si troverà ad affrontare diverse problematiche, come quella del parcheggio dei camper, dell'occupazione del suolo pubblico ed altro ancora. Intanto va detto che circa l'occupazione del suolo pubblico i controlli effettuati dagli uomini comandati dal maggiore Mario Vento hanno portato all'individuazione di circa il 50% di operatori commerciali che non pagavano e che ora si sono messi in regola. Va anche detto ce ne era una parte che pagava l'occupazione, ma non aveva le autorizzazioni del Comune. Un'altra questione che andrà regolata e sulla quale l'Amministrazione Stefanelli sta lavorando, riguarda il problema dei camper e delle roulotte che sostano in alcuni punti del territorio. In passato sulla questione non sono mancate le polemiche e le contestazioni. Il problema più urgente è quello di individuare un'area da destinare ai camper, che, purtroppo, al momento non c'è, ma è anche vero che gli stessi camper sono mezzi regolari che, se non sporcano e rispettano le regole, possono fermarsi nei parcheggi. C'è un'ordinanza che vieta il parcheggio nella parte antistante l'ex Sieci a Scauri, ma questo non impedisce ai proprietari dei camper di parcheggiare in altre zone del territorio. E questa è una situazione che comunque il Comune dovrà cercare di risolvere. In passato si è parlato anche delle roulotte che si fermano nell'area posta alle spalle dell'ex Sieci e alla foce del Garigliano, Roulote che sono state definite di proprietà di rom, ma che ai controlli dei vigili urbani non sono risultati tali. Infatti si tratta di famiglie definite "siciliani erranti" che hanno i mezzi in regola e che girano continuamente lungo lo stivale. Lo hanno accertato gli agenti della Polizia Locale, che sono intervenuti più volte, in seguito alle segnalazioni dei cittadini e che hanno preso atto della regolarità dei documenti. Dietro l'ex Sieci, attualmente, è vietata da un'ordinanza l'attività di campeggio e, in passato, sono state elevate delle sanzioni. Si tratta dunque di situazioni che vanno comunque chiarite da un regolamento che il Comune si appresta ad approvare, come confermato da quanto dichiarato ieri mattina nella commissione dei capigruppo da parte del sindaco di Minturno, Gerardo Stefanelli.