I Comuni di Pontinia, Sabaudia e San Felice Circeo restano a bocca asciutta. Nessuno è riuscito ad aggiudicarsi i contributi erogati dalla Regione Lazio a favore delle reti d'impresa fra attività economiche su strada nell'ambito di un bando per sostenere il commercio. Un vero peccato, visto che i progetti ammessi ai finanziamenti riceveranno 100mila euro ciascuno da investire immediatamente sul territorio. Eppure il tentativo c'era stato. Da Sabaudia si è riusciti a sfiorare l'importante risultato ma il progetto si è fermato a un passo dalla vittoria. Il piano "Onda blu", per appena cinque posizioni nella graduatoria stilata dalla Regione, non è rientrato nella graduatoria dei vincitori. Ma ci sono speranze di un "ripescaggio" visto che la domanda è inserita tra quelle idonee, sebbene non finanziabili per esaurimento dei fondi stanziati. Storia diversa per "Pontinia commercio", il piano piazzatosi al 192esimo posto tra le 210 domande presentate alla Regione. Il programma ha ottenuto un punteggio piuttosto basso ed è stato bocciato. Maglia nera, infine, per San Felice Circeo che ha provato a intercettare i finanziamenti con ben due progetti. Peccato che sia l'uno che l'altro programma siano finiti nell'elenco delle domande non ammesse per la carenza dei requisiti formali. Il progetto "Circe" a causa dell'invio fuori termine della documentazione essenziale. L'altro, "Bandiera blu in rete", per la carenza di documentazione essenziale. In particolare, ha evidenziato il nucleo di valutazione della Regione, sono risultati mancanti l'allegato relativo alla domanda di finanziamento e l'indicazione delle tre macroaree. Un'occasione mancata, tanto più in un periodo come questo in cui i finanziamenti regionali possono rappresentare una delle poche chance di rapidi investimenti sul territorio.