Taglio del nastro, questa mattina a Cisterna, per il primo Market solidale della provincia di Latina. Alle 11 il sindaco Eleonora Della Penna, l'assessore al Welfare Pierluigi Ianiri, il presidente dell'Onlus Istituto per la Famiglia sezione 405 Mario Rosmelli, hanno inaugurato i locali ATER di via Giovanni Falcone nel quartiere San Valentino dove sarà attivo l'innovativo servizio. Presenti alla breve cerimonia anche il presidente della Fondazione Banco Alimentare Lazio Salvo Saraniti, il vice presidente nazionale dell'Istituto per la Famiglia Claudio Zappalà, i consiglieri comunali Pier Luigi Di Cori e Fabiola Ferraiuolo, oltre a numerosi rappresentanti delle associazioni locali.

"Il Market solidale è un nuovo modo per dare assistenza alle famiglie in difficoltà - ha spiegato Rosmelli - superando il metodo del pacco alimentare, garantiamo la privacy di queste persone che da oggi potranno venire qui, fare la spesa in forma gratuita scegliendo gli alimenti che servono a casa. Una vera e propria spesa solidale che evita gli sprechi e garantisce un servizio migliore. Gli utenti segnalati dai Servizi Sociali ed iscritti al programma alimentare dall'Istituto per la Famiglia, individuati in base a reali ed accertate condizioni di indigenza, troveranno sugli scaffali del Market solidale di via Falcone prodotti commerciali comunemente venduti nei supermercati tradizionali".

"E' un progetto sul quale lavoriamo da tempo - ha detto l'assessore Ianiri - arrivato a compimento solo grazie alla sinergia tra Servizi sociali, associazioni e realtà produttive del territorio. Il Market solidale era uno degli obiettivi da centrare presenti sul nostro programma elettorale, lo abbiamo fatto e un grazie speciale va a Mario Rosmelli per l'impegno, la capacità e lo spirito caritatevole con il quale da anni si occupa dei più bisognosi".

"L'Istituto per la Famiglia e Banco Alimentare sono due pilastri del nostro terzo settore - ha detto il Sindaco - quello che avevo chiesto a Mario ed all'assessore Ianiri, che ringrazio tanto per l'impegno profuso in questo progetto, era di trovare un modo di aiutare le famiglie in difficoltà di Cisterna che tutelasse anche la loro privacy e la loro dignità. Questi locali dell'ATER sono una soluzione ottimale che puntiamo di potenziare nel corso del tempo anche in vista delle prossima apertura del banco farmaceutico, un altro progetto sociale che Istituto per la Famiglia sta seguendo in collaborazione con la nostra Farmacia Comunale e naturalmente l'assessorato di riferimento".