L'assessore regionale  a Infrastrutture, Politiche Abitative, Enti Locali,Fabio Refrigeri. comunica che "Per domani, 27 giugno, abbiamo convocato i gestori del servizio idrico ed i consorzi di bonifica al fine di pianificare ogni azione necessaria per affrontare l'emergenza acqua con particolare riguardo alla zona del Golfo di Gaeta. Ma va ricordato che due mesi fa, aderendo alla richiesta del Sindaco di Prossedi, la Regione Lazio gli ha affidato il pozzo regionale Volaga. Il Gestore di quel Sistema idrico integrato, la Soc Acqualatina, dopo le previste prove di qualità e di emungibilità, ha potuto mettere in rete risorsa idrica per circa 35 l/s, a servizio di altri 5 Comuni (Roccagorga, Maenza, Roccasecca dei Volsci, Priverno, Amaseno). In questo caso l'oculata prevenzione regionale ha mitigato gli effetti della penuria idrica, generalizzata in quei territori, a ridosso dei Monti Lepini.

Sempre due anni fa, fu sottoscritto dal Presidente della Regione, dai Sindaci di Ponza e Ventotene, dal Presidente dell'Ato 4 e dal gestore Acqualatina, un accordo che prevedeva l'ingresso delle due isole nel Sistema idrico integrato, l'avvio della dissalazione per contribuire alla fornitura d'acqua alle isole, in modo da ridurre drasticamente il ricorso all'approvvigionamento a mezzo navi. L'accordo, a fronte di una contribuzione limitata nel tempo, ha sancito il distacco regionale da quell'approvvigionamento. In questi giorni di crisi, gli stessi apparati pronti per Ponza e Ventotene sono impiegabili nell'immediato per mitigare le necessità e le penurie riscontate nel golfo, a Gaeta e a Formia. Anche in questo caso la Regione ha fatto il suo dovere autorizzando a tutti i suoi livelli questa iniziativa emergenziale".