Si chiamerà ABC, Azienda Beni Comuni, l'azienda speciale che gestirà la raccolta dei rifiuti nel Comune di Latina. Dopo qualche mese di gestazione finalmente il nuovo soggetto ha preso forma. La delibera della giunta è stata approvata nei giorni scorsi e prossimamente arriverà al Consiglio comunale che dovrà ratificarla, in quanto il Tuel prescrive che a costituire l'azienda speciale sia il Consiglio comunale. Nei piani dell'amministrazione Coletta la nuova azienda dovrebbe partire il prossimo Ottobre. Per il 2017 sono previsti 400 mila euro di fondo di dotazione, che saranno reperiti nelle risorse interne al Comune. Sì perché l'azienda speciale, per legge, è un'emanazione diretta dell'amministrazione comunale che può erogare direttamente risorse all'azienda. L'anno più difficile sarà però il 2018, quando è prevista l'accensione di un mutuo da 12 milioni di euro, che sarà il vero costo di attivazione della società. ABC infatti ha bisogno di mezzi per il servizio e di tutto il materiale necessario per attivare la raccolta differenziata porta a porta. E questo costa. Il canone di raccolta annuo (costoi di raccolta e, si presume, del personale) sarà di 16-17 milioni di euro l'anno, inferiore a quello della precedente gara di esternalizzazione bandita dal commissario prefettizio. A questo costo base andranno aggiunti altri costi ma a regime il Piano economico e finanziario (quello con cui si calcolano le bollette) sarà nettamente inferiore all'attuale, come prevede il business plan approvato dalla giunta. Almeno per il 2018, però, qualche pesante sacrificio sarà ancora richiesto ai cittadini con 29,4 milioni di spese preventivate.

ABC procederà a riassumere i dipendenti attuali di Latina Ambiente e, a regime, arriverà ad averne anche di più.

Il Comune in una nota spiega inoltre che: "Il procedimento di costituzione dell'Azienda Speciale è stato correttamente avviato e prosegue. La Giunta ha predisposto la proposta tecnica al Consiglio Comunale che delibererà a breve. L'ordinanza del Sindaco di affidamento del servizio è corredata dai prescritti pareri, agli atti. La delibera di giunta n°282 approvata il 27 giugno scorso, immediatamente esecutiva ai sensi dell'art. 134 del Tuel, è pubblicata sull'albo pretorio con allegati l'atto costitutivo dell'Azienda speciale, lo statuto, la relazione ai sensi dell'ex art. 34, comma 20, L. n. 179/2012. La Giunta ha approvato la proposta al Consiglio comunale che sarà chiamato a decidere previa approvazione nella Commissione competente. L'ordinanza sindacale, che prevede con decorrenza 1° luglio la proroga dell'affidamento del servizio, vede allegati entrambi i pareri che il comma 3 dell'articolo 191 del decreto legislativo 152/2006 prevede in via alternativa tra loro. In riferimento alle modalità di conferimento degli incarichi legati all'Azienda Speciale, gli stessi verranno affidati secondo i criteri stabiliti dalla delibera di Consiglio Comunale n°54/2016 avente ad oggetto gli "Indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune in organi sociali di enti, aziende, istituzioni, fondazioni, consorzi e società partecipate" del 30 novembre 2016 adottata da questa Amministrazione in adempimento ad un obbligo di legge vigente dal 2000 e al quale il Comune si è finalmente adeguato".