Anche Sabaudia dovrebbe avere dal primo luglio un presidio dei vigili del fuoco, ma è già una corsa contro il tempo. Il problema di fondo a quanto pare è da ricercare nella sistemazione dei locali in cui dovrebbe avere sede il distaccamento del 115. Parliamo dei "nuovi" locali adiacenti all'ex Spes, nei quali nei giorni scorsi è stato effettuato un sopralluogo.. Fabbricati costruiti a spese del Comune tra il 2004 e il 2005 e, come si legge nel bando per l'assegnazione degli immobili pubblicato qualche mese fa dal Comune, destinati al supporto delle attività sportive lacustri e a «generiche attività comunque riconducibili o ad attività sportive o di controllo del territorio». Al momento gli immobili non versano in condizioni ottimali e non è ben chiaro quanto tempo sia necessario per la loro sistemazione. Una corsa contro il tempo, come si diceva. Anche perché il presidio dei vigili del fuoco in un territorio come quello di Sabaudia è più che mai necessario durante l'estate. Le esperienze del passato lo dimostrano, con innumerevoli interventi a causa di incendi più o meno gravi, talvolta anche all'interno dell'area protetta. Il rischio altrimenti è quello di dover attendere l'arrivo di mezzi da Latina o da Sonnino.