In qualche caso il Comune ci sta provando da oltre quattro anni, ma di finanziamenti neppure l'ombra. La giunta Schiboni ha però deciso di non tirarsi indietro e con una serie di delibere - le prime della nuova amministrazione - è andata a battere cassa alla Regione Lazio. Quindici le richieste di finanziamento, per un totale che sfiora i quattro milioni di euro. Somma, questa, alla quale sono da aggiungere le quote (30%) a carico del Comune di San Felice Circeo. I progetti presentati potrebbero essere racchiusi in quattro macro-aree.


Viabilità e sicurezza stradale
Gli importi più consistenti sono quelli previsti per una serie di interventi che - se arriveranno i finanziamenti - interesseranno la viabilità comunale e dunque la sicurezza stradale. In totale circa due milioni di euro. In programma - i progetti sono principalmente risalenti al 2013 - c'è il rifacimento della strada che porta al poliambulatorio di via Risaliti, la sistemazione della segnaletica su via Bergamini e viale Europa, la sistemazione dei marciapiedi in via Tittoni. Si parla però anche di manutenzione su via Molella, via Regina Elena, via della Bagnara, via Leopardi e via della Pineta, nonché dell'adeguamento della pubblica illuminazione su una serie di strade.


Il centro storico
Negli ultimi dieci anni il centro storico è stato oggetto di importanti interventi di riqualificazione. Sono stati investiti milioni di euro, ma ancora c'è parecchio da fare. In primo luogo per quanto riguarda i parcheggi. Tra le richieste di finanziamento c'è anche quella per la realizzazione dell'area di sosta in via dell'Acropoli (332.964 euro è l'importo chiesto alla Regione). Oltre a ciò si parla anche della redazione del piano particolareggiato, del restauro dell'Atnica Porta, nonché dell'ultimazione del V lotto. In totale circa 695mila euro.


Mobilità alternativa
Due i progetti che l'amministrazione vorrebbe portare avanti per quanto riguarda la mobilità alternativa. Parliamo di due piste ciclo-pedonali delle quali si parla da anni: quella su Rio Torto e quella tra Colonia Elena e Golfo Sereno. Fino ad oggi le richieste di finanziamento non sono andate in porto e il Comune difficilmente potrebbe far fronte ai costi dell'intervento con il proprio bilancio.


Storia e cultura
Tra i pallini delle varie amministrazioni che si sono susseguite alla guida di San Felice Circeo c'è ovviamente spazio per la cultura, la storia e l'archeologia. Un patrimonio dal valore inestimabile spesso non molto valorizzato. L'ente ha chiesto un contributo economico per interventi a Grotta Guattari (dov'è stato trovato nel 1939 il cranio di uomo di Neanderthal) e per sistemare il palazzo baronale, dove l'umidità sta mettendo a rischio gli affreschi.


Dietrofront sull'Urbanistica
Ultima, ma non perché meno importante, la richiesta di finanziamento per la redazione della variante speciale per il recupero dei nuclei abusivi. Ammonta a 28mila euro la cifra richiesta alla Regione. Ma si tratta del primo atto contrastante rispetto all'operato della precedente amministrazione, che aveva revocato tutte le varianti in attesa della redazione del nuovo piano regolatore. Un aspetto, quest'ultimo, su cui occorrerà vedere ora come si muoverà l'amministrazione Schiboni.