Regole chiare per prevenire gli incendi e limitare il pericolo che da un momento all'altro possa scoppiare un rogo. Il Comune di Fondi, attraverso un'ordinanza del sindaco Salvatore De Meo, impone il rispetto delle disposizioni per la prevenzione di incendi boschivi e in aree urbane incolte. Si tratta di semplici ma categoriche indicazioni, sulla cui efficacia però sarà indispensabile un'azione ferma di controllo e repressione. Tra le altre disposizioni contenute nell'ordinanza, si vieta di accendere rifiuti, bruciare stoppie in lavorazione, gettare cicche di sigarette ancora accese. Basterebbe comportarsi in modo civile per evitare un'ordinanza che debba ricordare ai cittadini queste regole. E ancora si ordina di non accendere alcun tipo di fuoco senza la preventiva autorizzazione e per qualsiasi finalità, da un semplice barbecue al bivacco passando per la pulitura di erbacce e arbusti.
L'ordinanza impone norme chiare anche ai proprietari di terreni incolti. Se le fiamme incontrano un terreno pulito non si propagano, mentre trovano un potente innesco nei campi pieni di sterpaglie e di sporcizia. Ecco perché saranno eseguiti controlli mirati sui terreni in stato di degrado. A dire il vero, un'attività di monitoraggio è stata già eseguita dalla polizia locale che nelle ultime settimane - ha fatto sapere il sindaco De Meo - ha inoltrato un gran numero di diffide ai responsabili. «I cittadini devono essere protagonisti positivi di questa battaglia contro i roghi» ha insistito il primo cittadino di Fondi. Che nell'ordinanza ricorda anche le sanzioni previste per chi non rispetta le disposizioni: si va incontro a multe fino a 500 euro.