È stato presentato entro i termini stabiliti dall'avviso pubblico emanato dalla Pisana il progetto di candidatura del Comune di Bassiano a "Città della Cultura della Regione Lazio". Il progetto stilato e approvato dalla Giunta comunale nel corso dell'ultima seduta prevede di saper stimolare le città della Regione a considerare lo sviluppo culturale quale elemento essenziale della crescita economica e della coesione sociale della propria comunità; saper valorizzare i beni culturali e paesaggistici; promuovere lo sviluppo di imprenditoria nel settore culturale e creativo; migliorare l'offerta culturale; incrementare i servizi rivolti ai turisti; favorire processi di rigenerazione e riqualificazione urbana e dei territori e promuovere una cultura della progettazione integrata e della pianificazione strategica. Un intero anno di convegni, manifestazioni e workshop che, se il Comune di Bassiano dovesse ottenere il conferimento del titolo, porteranno la cultura del territorio a essere promossa e diffusa dalla Regione Lazio a livello internazionale. «Ci abbiamo lavorato molto per definire una proposta concreta, reale e di impatto qualitativo profondo» spiegano il sindaco Domenico Guidi e l'assessore Giovanna Coluzzi, che in una nota sostengono: «Una candidatura ambiziosa per un Comune che si sta confermando anche a livello europeo». Chiaro il riferimento al conferimento della targa d'onore del Consiglio d'Europa consegnata ufficialmente qualche giorno fa. Il riconoscimento premierà un programma di progetti, iniziative e attività di valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale, al fine di promuovere la crescita del turismo e degli investimenti nel territorio.