Oltre settecento firme per chiedere la riapertura delle isole ecologiche. Questo il risultato della petizione organizzata dal gruppo consiliare "Sperlonga Cambia" e che ieri è stata depositata in Comune. «A fronte delle 150 firme richieste per la presentazione della petizione, - spiegano i rappresentanti della minoranza - in pochi giorni ne sono state raccolte 700, delle quali oltre 400 di residenti. Il problema dei rifiuti e del decoro urbano è un tema che interessa sia i cittadini di Sperlonga che i turisti, molti dei quali proprietari di case di villeggiatura. Per questa ragione, tanti non residenti hanno aderito alla raccolta firme. La loro partecipazione è un appello all'amministrazione comunale a intervenire al più presto, in maniera seria e decisa, sul servizio di gestione della raccolta dei rifiuti». Secondo i consiglieri di "Sperlonga Cambia" la riapertura delle isole ecologiche del centro storico e di lago Lungo - riservata ai soli turisti - rappresenta un provvedimento giudicato tardivo e comunque insufficiente. «Con la consegna delle firme raccolte - concludono - ci attendiamo una presa di coscienza dell'amministrazione comunale e un intervento immediato attraverso la bonifica e la pulizia straordinaria del paese, senza trascurare la disinfestazione da blatte e roditori».