Diciannove lanterne lanciate in cielo, poi altre quattro. Prima gli anni che gli amici e la comunità di Pontinia hanno condiviso con Luca, poi quelli della separazione. Fisica s'intende. Questo il gesto simbolico con il quale si è concluso il quarto memorial Luca Violo, che ha unito il divertimento e la spensieratezza degli artisti di strada al ricordo, riassunto anche in un video.
L'infanzia, la musica, la banda, l'Azione Cattolica, l'impegno in prima linea nelle associazioni, la pallamano, lo sport in generale, il Consiglio comunale dei giovani, la spensieratezza e la gioia di vivere. Tutto racchiuso in qualche minuto di video, ma soprattutto nella memoria di chi ha condiviso con Luca un percorso bruscamente interrotto troppo presto.
A dimostrare l'affetto e quanto il ricordo del ragazzo sia ancora vivo nella comunità di Pontinia bastano, senza tante parole, le centinaia di persone che hanno affollato piazza Indipendenza. Una manifestazione, quella organizzata dagli amici del ragazzo, riuscita sotto tutti i profili, durante la quale - come sempre - è stato dato spazio anche alla beneficenza.
Ora l'appuntamento è per il prossimo anno.