Una rappresentanza dei genitori degli alunni dell'Istituto Comprensivo Cena è stata ricevuta questa mattina in Comune dal Sindaco Damiano Coletta e dall'Assessore all'Istruzione Antonella Di Muro a margine del corteo di protesta contro la proposta dell'Amministrazione Comunale di aggregare la scuola d'infanzia e primaria di piazza Dante, oggi afferente all'I.C. Cena, all'I.C. Alessandro Volta.

Il Primo cittadino e l'Assessore si sono messi in ascolto dei delegati dell'istituto, hanno preso atto delle loro osservazioni e spiegato agli stessi che la scelta in questione è stata operata nel rispetto degli obblighi previsti dalla legge. L'Assessore Di Muro ha ribadito che è stata una scelta adottata in seguito agli incontri e con l'ausilio del parere dell'Ambito Territoriale di Latina, dei dirigenti scolastici, dei sindacati di categoria e che le alternative prese in esame dall'Amministrazione sono state bocciate in alcuni casi dalle organizzazioni sindacali perché avrebbero comportato una riduzione degli istituti comprensivi da 12 a 11, in altri perché incoerenti rispetto alla realtà territoriale.

L'assessore ha riferito inoltre ai genitori che si impegnerà presso l'ex provveditorato affinché le classi che hanno iniziato la secondaria di primo grado nel plesso di Piazza Dante possano completare il ciclo di studi nella stessa sede e che terrà gli stessi genitori e insegnanti aggiornati sull'evoluzione della vicenda.