La Giunta Comunale di Terracina ha oggi deliberato l'affidamento in convenzione del tratto di arenile libero situato sul Lungomare Circe all'altezza della "Pro Infantia" alle associazioni che si occupano della tutela delle persone con disabilità. A seguito di tale provvedimento, verrà indetto un avviso pubblico finalizzato all'individuazione di un apposito soggetto abilitato ad assicurare, nel su menzionato tratto di spiaggia libera, la disponibilità d'uso da parte delle persone diversamente abili, assicurando loro i servizi di assistenza e di salvataggio, i servizi igienici specificamente dedicati, i servizi di pulizia (da garantire almeno una volta al giorno) e uno o più percorsi fino alla battigia per la completa fruizione dell'arenile. L'associazione prescelta previo espletamento dell'avviso pubblico, in possesso degli specifici requisiti, dovrà stipulare con il Comune di Terracina un'apposita convenzione ai sensi della normativa in vigore. L'assessore ai Servizi Sociali Roberta Tintari spiega che "nell'estate del 2017 questo tipo di servizio partì tardi, a fine luglio, a causa dell'avviso pubblico che andò deserto in primavera. Quest'anno ci siamo mossi con grande anticipo e abbiamo voluto concepire una proposta su misura per quelle associazioni che si occupano di disabilità. Siamo certi che esse risponderanno al bando e che la loro esperienza e la loro sensibilità risulterà di grande aiuto affinché questo importante servizio, atteso in particolare dalle famiglie dei disabili, venga erogato nel miglior modo possibile". Dal canto suo l'assessore al Demanio, Gianni Percoco, osserva che "purtroppo il Comune non dispone delle risorse necessarie per allestire e gestire in autonomia strutture attrezzate sugli arenili. L'individuazione di una o più associazioni rappresenta la strada migliore per garantire un servizio adeguato e testimonia l'attenzione che comunque riserviamo a chi ha maggiori difficoltà. Crediamo molto nell'interazione con le realtà associative presenti sul territorio e nella loro capacità di fornire un aiuto prezioso ai destinatari dei servizi e all'intera comunità".