Il provvedimento resterà in vigore fino al 9 febbraio e prevede sanzioni amministrative fino a un massimo di 500 euro per chi non rispetterà le regole. Tra i divieti, quello di utilizzare in luoghi pubblici o in luoghi comunque aperti al pubblico bombolette spray, schiume, coloranti vari, farina, uova e ogni altra sostanza che possa imbrattare e/o urticare. Inoltre, è fatto chiaramente divieto di recare danno a persone, cose e beni, come abitazioni, attività commerciali, muri, edifici pubblici e privati, mezzi di trasporto e «altri oggetti di vario genere». «I trasgressori – si specifica – saranno puniti con una sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro, oltre le sanzioni previste dal codice penale e dal codice della strada (se applicabili)».