Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Rischio idrogeologico, servono 400mila euro
0

Rischio idrogeologico, servono 400mila euro

San Felice Circe

Ancora interdetta buona parte della spiaggetta del porto

È una grana non da poco per il Comune di San Felice Circeo quella legata al rischio idrogeologico che è stato riscontrato lungo il promontorio e non solo, anche perché ha comportato l’interdizione di buona parte della scogliera nell’area di Quarto Caldo, ossia in una delle zone più apprezzate dai bagnanti. Con un'ordinanza del 2010 (la n. 101), infatti, il sindaco aveva interdetto alla balneazione, alla sosta, alla pesca e a ogni altra attività il tratto di costa dalla Grotta delle Capre alla Grotta della Maga Circe. Ma la situazione per i fruitori della scogliera nel corso degli ultimi anni è peggiorata ancora, visto che è arrivata anche l’interdizione della spiaggetta del porto sempre per lo stesso motivo: c’è il rischio che alcuni sassi vengano giù. La scoperta è avvenuta nel corso di ulteriori indagini geologiche che, se da una parte hanno consentito di appurare la non pericolosità di un’area a Quarto Caldo - ma l’ordinanza del 2010 ancora non è stata revocata né modificata, ndr - dall’altra hanno accertato i rischi di frana esistenti a ridosso della spiaggetta. Per sistemare questa situazione, secondo le stime contenute nel piano triennale delle opere pubbliche, con quest'intervento che è stato previsto per il 2016, servono circa 400mila euro. Cifra che probabilmente il Comune di San Felice Circeo cercherà di ottenere con un finanziamento regionale. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400