Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

.




Va in fiamme una canna fumaria in via Marzi: intervengono i vigili del fuoco

I vigili del fuoco impiegarono cinque ore per domare il rogo

0

Palazzina distrutta da una fuga di gas
A giudizio un trentenne marocchino

San Felice Circeo

Un’esplosione e poi le fiamme. Quattro anni fa una fuga di gas, avvenuta durante la sostituzione di una bombola utilizzata per cucinare, distrusse una palazzina a San Felice Circeo. Appartamenti devastati e tetto crollato. Ora, con l’accusa di incendio colposo, un operaio marocchino ritenuto responsabile dell’accaduto, è stato rinviato a giudizio.

Mohamed Dchri, 30 anni, divideva l’appartamento da cui partirono le fiamme con cinque connazionali. I vigili del fuoco lavorarono per cinque ore, durante la notte del 6 agosto 2012, per avere ragione del rogo al civico 25 di via Capponi, nei pressi del centro storico. Tanti danni e fortunatamente nessun ferito, essendo i residenti nello stabile riusciti a fuggire saltando dalle finestre. Dchri venne denunciato e per lui il gup di Latina, Giuseppe Cario, ha disposto un processo. La prima udienza è fissata per il prossimo 12 gennaio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400