Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 02 Dicembre 2016

.




Pesca nel Parco, cambiano le regole
0

Un Parco ai minimi termini

Sabaudia - Circeo

Le leggi sul contenimento della spesa pubblica si sono abbattute come una vera e propria scure sui vari enti dello Stato e, dal momento che le situazioni particolari non vengono contemplate, si mette a rischio la gestione di diverse amministrazioni. È questo il caso del Parco nazionale del Circeo, costretto ad adempiere a numerosi compiti - basti pensare alle competenze urbanistiche - con una pianta organica teorica di 9 dipendenti, ma con soli 6 posti effettivamente coperti. Una situazione a dir poco critica, alla quale si è cercato di far fronte attraverso il supporto del personale dell’Utb di Fogliano. Ma si tratta di una soluzione tampone, che prima o poi dovrà concludersi. Prospettiva che di certo non rassicura gli organi gestionali del Parco, tanto che nella relazione sulla gestione 2015 si legge che «non si comprende come sarà possibile gestire in futuro l’intera struttura amministrativa dell’Ente con un esiguo personale». Nelle more dell’espletamento delle procedure per la copertura della dotazione organica - è necessario inglobare prioritariamente il personale di altre pubbliche amministrazioni in mobilità - il Parco aveva individuato due consulenti esterni ma nel 2011 non è più stato possibile farlo e la Corte dei Conti ha bocciato la possibilità di selezionare una figura di esperto amministrativo-contabile dell’ente. Si tratterebbe, infatti, di attività ordinarie da svolgersi col personale in servizio. Se non fosse che ormai nel Parco lavorano soltanto 6 persone. «Tutto questo - si legge nella già citata relazione - incide ancora, sia pur con alcune eccezioni, sulla capacità dell’ente di attivare progettualità ed entrate proprie sacrificandole alla necessità di provvedere ai principali adempimenti obbligatori». Una situazione complessa, alla quale il direttore Cassola si è visto costretto a mettere mano avviando una serie di azioni per rendere compatibili e virtuosi i limiti strutturali dell’Ente con quanto comunque fattibile, specie per il comparto giuridico-amministrativo e quello di pianificazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400