La Suprema Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dai legali di fiducia di Alessandro Zof. Resta in carcere quindi il 33enne di Latina accusato del duplice tentato omicidio di Roberto Guizzon e del nipote Alessio De Cupis lo scorso 6 marzo su lungomare di San Felice Circeo. 

L'articolo completo in edicola su Latina Oggi (7 ottobre)