Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

.




Il prototipo della bicicletta in carbonio
0

La scommessa delle bici di lusso

San Felice Circeo

C’è sempre più attenzione all’ecosostenibilità e all’utilizzo di mezzi “green”, così un’impresa di San Felice Circeo, la “F&N Compositi” di Nicola Del Vecchio (che da tempo collabora con l’Istituto Europeo di Design), insieme al designer Lorenzo Perna, hanno dato vita alla “Hi-Bike” e al primo prototipo di una bicicletta che tra qualche mese entrerà in commercio: la “Eye”.


Non si tratta di una bici qualunque, bensì di un prodotto di lusso tutto “made in Italy” (anche il motore “Zeus” è ideato da una società italiana) che unisce l’esperienza di un’azienda che da tempo lavora nel settore aerospaziale a un moderno e funzionale design. Il tutto, con l’utilizzo di materie prime di qualità, in primis il carbonio. Il prodotto sarà presentato venerdì alla fiera “Maker Faire” di Roma, che si terrà nella città universitaria, e poi anche alla fiera del lusso di Montecarlo, programmata per il prossimo giugno.

Dalla collaborazione tra una ditta del posto e l’Istituto Europeo di Design nasce “Hi - Bike” e il modello
“Eye”, un mezzo ecologico in carbonio che si comanda tramite smartphone.


La bici “Eye” nasce da un modello 3D digitale. Dopodiché, trasmessa l’immagine ad un apposito macchinario, viene realizzato il negativo della struttura in carbonio che a sua volta è poi realizzata attraverso uno strumento ad alta tecnologia presente nello stabilimento della ditta situato lungo la provinciale tra San Felice Circeo e Terracina. Poi, un pezzo alla volta, nasce la “Eye”. Una bicicletta di cui è stato studiato ogni minimo particolare, a partire dalla antropometria per garantire una guidabilità perfetta del mezzo ecologico a pedalata assistita.


Inoltre, sfruttando le potenzialità che la tecnologia offre, il mezzo potrà essere controllato tramite applicazione di smartphone, attraverso la quale si riuscirà a regolare il funzionamento del motore elettrico che è in grado di auto-alimentarsi attraverso la pedalata meccanica o ad esempio le frenate. Questo progetto tutto italiano e pontino è pronto quindi a sfidare un mercato in continua espansione, con la bici “Eye” che, una volta conclusi i test strutturali, farà il suo esordio sulle strade italiane e non solo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400