Sei indagati davanti al gip per la prima tranche di interrogatori dopo gli arresti di lunedì all’alba. Ad essere ascoltati dal giudice per le indagini preliminari Laura Matilde Campoli, che ha firmato le ordinanze di misura cautelare nei confronti dei 15 indagati nell’ambito dell’operazione antidroga “Melody”, i pusher finiti in carcere a Latina. «Con lo spaccio non c’entriamo», hanno sostenuto a vario titolo gli indagati, che respingono le accuse contestate dalla Procura della Repubblica di Latina (l’inchiesta condotta dai carabinieri è stata coordinata dal sostituto Luigia Spinelli). Il 42enne di Fondi Alessandro Simonelli, difeso dall’avvocato Guglielmo Raso, ha fornito dichiarazioni spontanee al giudice. Nessuno spaccio di droga, nessun interesse illecito, ha sostenuto il fondano.

Le difese pronte
a ricorrere al tribunale del riesame
per chiedere di annullare le ordinanze cautelari.