Difendere un amico, in teoria, è una cosa buona, necessaria, ma non quando l’amico è il destinatario di una perquisizione domiciliare da parte dei carabinieri. Due giovani di Cisterna, nei giorni scorsi, hanno tentato di impedire ai militari dell’Arma del Comando Stazione della città, di entrare nella casa di un loro coetaneo. Se sapevano o meno che in quella abitazione era detenuta droga, quella che sarà trovata dagli operanti, non è dato saperlo. Si sa che dopo che i militari sono comunque riusciti ad effettuare i controlli, i due giovani sono stati denunciati a piede libero per aver tentato di ostacolare l’operato dei carabinieri.

Trovati 16 grammi
di marijuana divisi in 27 dosi pronte per lo smercio, il minore trasferito in un centro di accoglienza.