Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

.




Tribunale Latina
0

Jacskon Five, arrivano le prime condanne per gli arrestati

Cisterna-Latina

Spaccio di cocaina e hascisc tra Cisterna, il litorale e il capoluogo pontino. Sono arrivate ieri le prime condanne nell’ambito del processo a carico degli arrestati finiti nella operazione della Squadra Mobile di Latina e del Commissariato di Cisterna denominata “Jackson Five” in riferimento ad alcune parole in codice usate dagli indagati ed intercettate dagli inquirenti per fare riferimento alla droga. Davanti al giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Cario, ieri mattina sono comparsi Andrea Castellucci, ritenuto il punto di riferimento degli altri 20 arrestati poi sostituito (dopo l’arresto) alle redini del giro di spaccio dal fratello Gianluca; Maurizio Roscilli, colui che per gli inquirenti era uno dei più attivi nello spaccio, ma non a livello di strada, Roscilli sembra fosse deputato a rifornire altri spacciatori, a gestirli; Paolo Dalla Libera anch’egli impegnato nello smercio della droga; Giacomo Milani che per gli inquirenti, al pari di Roscilli, si occupava di rifornire gli spacciatori al dettaglio, ma sembra fosse attivo in prima persona anche; infine uno degli spacciatori al dettaglio, Davide Zampieri. Tutti gli arrestati (difesi dagli avvocati Flaviana Coladarci, Federico Savo, Alessandro Paletta, Giancarlo Vitelli e Mario Battisti) ieri mattina hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato, rito che garantisce in caso di condanna, uno sconto di un terzo della pena. Il pubblico ministero Giancristofaro aveva chiesto una condanna a 4 anni e 2 mesi per Dalla Libera, Milani e Castellucci. Il Gup ha emesso una sentenza di condanna a 3 anni e 4 mesi oltre a 20mila euro di sanzione pecuniaria. Otto mesi, pena sospesa per Zampieri. A carico di Roscilli invece la pubblica accusa aveva deciso di chiedere ben 9 anni di reclusion

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400