Il commissariato di Formia, nel corso della giornata del primo maggio, ha realizzato una serie di controlli tesi a prevenire la commissione dei reati, nel corso dei quali ha denunciato due persone. In particolare la prima denunzia è scattata nei confronti di un noto pregiudicato di circa 35 anni, originario di Formia  sorpreso in possesso di un fucile ad aria compressa, il cui porto non era stato autorizzato.   L'uomo era all'interno del Parco di Gianola dove si stava esercitando a sparare contro dei bersagli costituiti da alcun barattoli. Per tale ragione gli uomini della Volante del Commissariato di Formia, hanno proceduto al sequestro dell'esemplare di fucile ed alla denunzia a piede libero del suo proprietario all'A.G. di Cassino.  Il secondo sequestro di armi  è scattato nei confronti di un uomo a seguito di una  denunzia presentata da una donna, che  dopo aver subito una violenta aggressione e tormentata dal suo comportamento, ha deciso di rivolgersi alle Forze dell'ordine. I controlli effettuati dagli uomini della Polizia di Stato hanno evidenziato che l'uomo era in  posseso di due fucili che sono stati immediatamente sequestrati in via preventiva.